storie sadomaso

BDSM- crescono i trends dei racconti erotici

La mia prima storia sadomaso
Se è vero che la società moderna impone standard di qualità sempre maggiori in ogni campo, anche in quello del piacere sessuale, sicuramente le fantasie si sono ampliate.
Una di quelle sempre più richieste riguarda le storie sadomaso, tramite le quali i protagonisti traggono soddisfazione dall’umiliazione educativa del partner di turno.
Non credevo sarebbe accaduto anche a me, quando però successe, mi resi conto del fatto che in fondo lasciarsi ammaestrare con metodi diversi da quelli imposti dalla società perbenista in cui ero stata educata, non era poi così malvagio. Fu così che essere penetrata analmente mentre mi trovavo imbavagliata, anziché suscitare rabbia, mi creò l’orgasmo più intenso della mia vita, coronato da un getto di piacere schizzatomi dalla figa mentre venivo punita e obbligata a leccare il tavolo su cui il mio padrone aveva schizzato il suo seme bollente.

Sempre più diffuse
Le pratiche BDSM, cioè quelle che rientrano nell’universo del sado masochismo, oggi hanno conquistato una fetta enorme di persone, che grazie al gioco di ruoli imposto da questa pratica, possono dar libero sfogo alle loro pulsioni, eliminando il velo di puritanesimo di facciata richiesto per essere ben accolti in società. In questo modo rispettabili professionisti, madri di famiglia devote, piuttosto che qualunque altro appartenente alla “buona società”, possono gettare ai rovi la maschera sociale e lasciarsi guidare dai propri istinti. Capita spesso che chi comanda voglia in realtà diventare succube prestare la sua adorazione ad una padrona da venerare come un’antica divinità spietata. Più questa saprà farsi ubbidire, a volte umiliandolo e costringendolo a sottomettersi ai suoi laidi voleri, maggiore sarà l’intensità del piacere che ne deriverà. Prima di giudicare insomma, si dovrebbe provare il gusto dato dal morso della frusta o di legamenti ben fatti, in modo da rendersi conto se si è più portati a rivestire i panni del dominatore o della succube e viceversa.

Tanti piaceri
Nel corso della storia le pratiche in cui legare l’altro o dare e ricevere piacere tramite il dolore, sono ampiamente diffuse e testimoniate presso tutte le culture di cui si ha conoscenza.
Ai giorni nostri parlare di bondage o masochismo, evoca racconti legati al medioevo anche se nella realtà tali pratiche non sonomai state abbandonate. Direi piuttosyo che hanno raggiunto un livello raffinatezza più alto, essendosi venute a creare delle vere scule di perfezionamento, presso le quali gli studenti possono diventare di veri maestri di tortura e imparano come si deve comportare un padrone/a.

Molti stumenti di correzione
Ovviamente per ogni padrone/a esiste uno opiù schiavi o per meglio dire adoratori, considerato che il ruolo di divinità incarnata è quello che meglio calza a un master/mistress. Come ogni antica divinità aveva il suo animale sacro e i suoi strumenti, usati per punire o elargire favori (si pensi al bastone di Ermete o alle civette di Atena), anche le moderne dee o dei in veste umana (master o mistress), hanno il loro modo per farsi adorare.
Può consistere in fruste di vario tipo, corde o croci piuttosto che candele con la loro cera.
Con ognuno di questi mezzi sarà facile per un esperto riuscire a far sentire allo stesso tempo un intenso dolore o un’immenso piacere, appagando i desideri di tutti allo stesso tempo, a dimostrazione del perchè oggi il trend della crescita del bdsm sia in continuo aumento.

 

Lascia un commento